Il linguaggio dei fiori

fresia_small.jpg LA FRESIA

Questa bella pianta originaria dell’Africa del Sud,dai fiori gialli, bianchi o rossi disposti a grappoli alla sommità di uno stelo quasi sprovvisto di foglie,deve il suo nome al medico tedesco  il dottor Freese,che la introdusse in Europa verso la fine del XIX secolo.Si sa ben poco di questa pianta .Infatti se il dottor Freese l’ha giudicata sufficientemente bella, interessante e originale da portarsela dall’Africa del Sud e affidarla a un amico botanico che ebbe la gentilezza di battezzarla col suo nome, non ha mostrato  curiosità nei confronti delle credenze e dei costumi che le tribu’ locali,Zulu,Xhosa,Sotho o altre , le attribuivano.Tuttavia, da quando questo fiore dal profumo soave e intenso è presente in Europa,viene spesso regalato in occasione dei matrimoni.Gli si attribuisce per questo il simbolo di unione , di purezza, di verginità, di sincerità e di fedeltà. Se volete dunque testimoniare uno di questi buoni e nobili sentimenti a una persona che vi è cara, non esistate a donarle un bel mazzo di fresie bianche, in particolare tra il 28 maggio e il 3 giugno.

 

 

 

Photobucket

 

fucsia.jpg LA FUCSIA

Anche questo fiore porta il nome di un medico e botanico tedesco,Léonhart Fuchs.Egli , intorno alla metà del XVI secolo, approfittando sicuramente di una delle numerose spedizioni coloniali spagnole o portoghesi nelle regioni dell’America del Sud, forse in Messico , fu il primo europeo , a scorpire questo bel fiore selvatico , a forma di campanula e di colore rosso. E’ forse perchè Léonhart Fuchs era un uomo affascinante, amabile , gentile,che si riconosce tradizionalmente nella fucsia , che con le sue campanelle rosse  rallegra le siepi dei giardini europei , il simbolo della gentilezza?Qualunque sia la risposta,  questo fiore, offerto tra il 9 e il 15 luglio, quando cioè il sole soggiorna  nel segno del Cancro, indica un gesto di dolcezza, di tenerezza, di gentilezza, di delicatezza,d’affetto,, ma anche di favori accordati a qualcuno.Invece se si preferisce regalarlo tra il 1° e il 7 ottobre, quando cioè il sole transita nel segno della Bilancia ,è per onorare il fascino, la bellezza , la grazia di una persona, o semplicemente per ringraziarla della sua amabilità.Risulta però in Europa, questo fiore è stato battezzato con il nome di volpe(fuchs in tedesco significa volpe), e dato che  numerosi racconti e leggende del Medioevo  parlano di streghe travestite da volpi, la fucsia può essere utilizzata per salvare qualcuno dalle astuzie, dalle furberie o dalle macchinazioni machiavelliche di una terza persona,di cui sarebbe eventualmente vittima il bersaglio.Se quindi donate delle fucsie precisate sempre le vostre intenzioni per non rischiare di causare un fastidioso malinetso.



Il linguaggio dei fioriultima modifica: 2009-02-27T15:10:00+00:00da cucciola-55
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Il linguaggio dei fiori

Lascia un commento